STATISTICA

Elementi di statistica applicata all'immobiliare

Online, 12/09/2018

Corso on-line in Video Conferenza

La statistica è una scienza strumentale alle altre che si basa sullo studio di fenomeni plurali. I fini di questo studio secondo la statistica sono: descrittivi, interpretativi e previsivi. Nelle valutazioni immobiliari prevalgono i fini previsivi riguardanti essenzialmente la previsione del valore di mercato e dei valori diversi da quello di mercato. Lo studio della probabilità risolve l’highest and best use e la ricerca del saggio di capitalizzazione con il valore atteso trattando le grandezze estimative come variabili aleatorie, cioè variabili alle quali è associata una data probabilità. Il fine interpretativo volto a spiegare i fenomeni immobiliari è rappresentato nello studio della distribuzione gaussiana dei fenomeni di interesse estimativo (prezzi, costi, comportamenti degli attori della filiera immobiliare, ecc.). Il fine descrittivo volto alla rappresentazione del fenomeno osservato è richiamato nella rilevazione degli immobili comparabili, dei rapporti e degli indici di mercato nel metodo del confronto di mercato.

La statistica offre al valutatore vari metodi per la rilevazione, l’elaborazione e l’analisi quantitativa dei fenomeni immobiliari osservati.

Per il valutatore immobiliare è quindi indispensabile:

  1. conoscere le norme che sono alla base di uno schema di campionamento;
  2. rappresentare sinteticamente il fenomeno osservato (con gli indici di posizione e di variabilità);
  3. verificare la significatività dei risultati estimativi (tramite test di confronto);
  4. studiare le correlazioni tra i prezzi di mercato e le caratteristiche immobiliari (attraverso l’analisi di regressione e la correlazione).

La conoscenza degli elementi di statistica applicata rappresenta uno degli skill richiesti per il riconoscimento della qualifica di Valutatore certificato - Norma UNI 11558:2014 (Valutatore immobiliare / Requisiti di conoscenza, abilità e competenza) – nonché uno degli argomenti dell’esame previsto dal processo di certificazione (UNI/PdR 19/2016).

ARGOMENTI

  • Le procedure estimative e la statistica applicata ai giudizi di valore
  • Analogie metodologiche tra valutazioni immobiliari e statistica
  • Metodo deduttivo-induttivo e inferenza statistica in campo estimativo
  • La teoria dei campioni e la significatività dei risultati statistici
  • I Valori medi
  • Medie di posizione (mediana, quartile, moda, valore centrale)
  • Medie analitiche (media aritmetica semplice, media aritmetica ponderata, media geometrica, media quadratica, media armonica)
  • La variabilità dei dati e la sua misura
  • Indici di variabilità (devianza, varianza, deviazione standard o scarto quadratico medio, campo di variazione, errore standard, intervallo di confidenza)
  • Distribuzione di Gauss o normale
  • Probabilità
  • Le principali funzioni statistiche di EXCEL 
  • Cenni sulla regressione lineare applicata nel mass appraisal

MATERIALE DIDATTICO

Il corso include le slide in pdf e i file in excel di esempi.

PREREQUISITI

Standard - Le Basi della Valutazione Immobiliare Standard
Compara - Le Valutazioni per Comparazione


ATTREZZATURE SUGGERITE

PC dotato di connessione Internet (per lezione in Video Conferenza o E-Learning)

Microsoft® Office Excel 2007/2010/2013/2016 aggiornato all'ultimo service pack disponibile.

Calcolatrice portatile e blocco appunti

ATTESTATO

Per tutte le modalità di fruizione dei corsi (sia e-Learning, sia Video Conferenza, sia Aula) viene rilasciato un attestato di partecipazione.

Attestato valido per i CFP dei Valutatori Immobiliari Certificati UNI 11558:2014 per tutti gli enti di certificazione accreditati ISO 17024

Iscrizione

Le iscrizioni sono chiuse

Requisiti

Grado di preparazione richiesta sui prerequisiti di conoscenza

Lezioni

Info

perCorsi di Estimo®

Opinioni

  • 12/09/2018

    Online

    Opinione molto positiva del docente, troppi argomenti per il tempo previsto.

    Arch. Mauro S. (RM)

    STATISTICA

  • 12/09/2018

    Online

    Ottima esposizione, riterrei che il corso meriti quattro anziché due ore, anche prevedendo successivi moduli di approfondimento.

    Arch. Francesco T. (MI)

    STATISTICA

Vai all'elenco completo